Raffaele De Berti

This user account status is Approved

This user has not added any information to their profile yet.

Raffaele
De Berti
Professore Associato
Università degli Studi di Milano
Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali

Università degli Studi di Milano
via Noto 6
20141 Milano

Raffaele De Berti è Professore Associato presso il Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Università degli Studi di Milano dove insegna Storia e critica del cinema e Cinematografia documentaria
Dal settembre 2007 al settembre 2018 è stato docente a contratto presso l’USI di Lugano
I principali interessi di ricerca sono legati alla storia del cinema italiano dagli anni Dieci agli anni Sessanta. In particolare, si è occupato dei rapporti tra cinema, altri mass-media e società italiana; delle forme di novellizzazione letteraria del film; della stampa a rotocalco dagli anni Venti agli anni Settanta e della storia del cinema a Milano. Ha dedicato anche diversi studi alle riviste di cinema; alla critica cinematografica su quotidiani e periodici di attualità e cultura; alle relazioni fra film e mondo antico; a figure attoriali come Rodolfo Valentino, Isa Miranda e Alida Valli; al lavoro di registi come Alessandro Blasetti e Federico Fellini; all’attività cinematografica dei cattolici; ai rapporti fra fotografia e cinema negli anni tra le due guerre e negli anni Sessanta-Settanta.
Tra le pubblicazioni più significative si ricordano, oltre a numerosi saggi su rivista e in volume, le diverse curatele come Fellini-Satyricon. L’immaginario dell’antico (con Gagetti e Slavazzi, 2009), Forme e modelli del rotocalco italiano tra fascismo e guerra (con Piazzoni, 2009), le monografie Dallo schermo alla carta (2000) e Il volo del cinema. Miti moderni nell’Italia fascista (2012). Nel 2017 ha curato il numero monografico I Cattolici nella fabbrica del cinema e dei media: produzione, opere, protagonisti (1940-1970) per la rivista “Schermi”.

Tra le sue principali pubblicazioni, oltre a numerosi saggi su rivista e in volume, si possono ricordare le monografie Dallo schermo alla carta (2000) e Il volo del cinema. Miti moderni nell’Italia fascista (2012) e, tra le varie curatele, il volume Un secolo di cinema a Milano (1996) e i più recenti Figure della modernità nel cinema italiano (1900-1940) (in collaborazione con M. Locatelli), Fellini-Satyricon. L’immaginario dell’antico (in collaborazione con E. Gagetti e F. Slavazzi), Forme e modelli del rotocalco italiano tra fascismo e guerra (in collaborazione con I. Piazzoni) eI Cattolici nella fabbrica del cinema e dei media: produzione, opere, protagonisti (1940-1970) per la rivista “Schermi” ( numero 2, 2017).

cinema italiano, cinema muto, novellizzazioni, divismo, cinema e mondo antico, critica cinematografica.

Clicca sull’icona in alto a destra per modificare il profilo

Torna alla Rubrica

Comments are closed.