Schermi/Screens

H-ermes. Journal of Communication
n. 15
Scadenza: 15 settembre 2019

ARCHIVIO CFE

Redazione CUC2Written by:

Il prossimo numero di H-ermes. Journal of Communication chiede agli autori di riflettere su un elemento privilegiato del dibattito contemporaneo dei Media Studies: gli “Schermi”.
Il tema della call riguarda infatti il concetto plurale di schermi, oggetti rinnovati e rilanciati dalle culture della rivoluzione digitale. Dall’idea di uno schermo singolo, grande o piccolo, su cui si proiettano le immagini della cultura di massa, si passa all’idea di tanti schermi integrati a dispositivi mobili, in un quadro di accessibilità permanente ai nuovi aggregatori di contenuti. Questo nuovo paradigma apre prospettive inedite alla produzione, distribuzione e ricezione delle narrazioni audiovisive determinando nuovi modelli di consumo e nuove ricadute nei comportamenti sociali, che sempre più spesso sono mediati dagli schermi e dalle loro culture.

I saggi del numero potranno sviluppare una riflessione sul tema nella più ampia prospettiva multidisciplinare, privilegiando casi di studio originali, a partire dai seguenti ambiti:
– Figure, strutture, teorie dell’immaginario;
– Ecosistemi narrativi, transmedialità e crossmedialità;
– Broadcasting e narrowcasting;
– Convergenza e rimediazione;
– Social media e storytelling digitale;
– Il prefisso video- (clip, game, installazione);
– Digital Humanities;
– Second screen (smartphone, tablet vs. televisione);
– Forme sociali del consumo audiovisivo contemporaneo.

Referees
Ogni saggio sarà valutato da almeno due referees anonimi. I referees potranno essere membri del Comitato Scientifico, del Comitato di Redazione, o studiosi esterni.

Submission
Invio di un abstract alla redazione (max 2.000 battute) entro il 15 settembre 2019 e consegna dei saggi entro il 1° novembre 2019. È possibile sottoporre alla valutazione anche video-saggi della durata massima di 15 minuti.
Le proposte vanno inviate all’indirizzo e-mail: h-ermes@unisalento.it

Lingue
I saggi possono essere realizzati in lingua italiana, inglese, francese, spagnola, portoghese, tedesca.

Call for essays

Comments are closed.